Workshop Pirelli - MAPS Architecture
20652
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-20652,ajax_fade,page_not_loaded,,content_with_no_min_height,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive

Workshop Pirelli

Studenti: Benedetta Borelli, Aurélie Sabatier, Vincenzo Zucco

Il progetto ricerca una ‘proporzionata’ relazione tra nuovo e preesistente. “Luoghi urbani ritrovati” sono la cifra del nuovo sistema come insieme di spazi costruiti, aperti e di relazione. Gli elementi resistenti del precedente sistema vengono selezionati e confermati dalla nuova disposizione concatenata di percorsi nell’area. Lo spazio aperto è rideterminato da una fitta trama di percorsi colonnati, di segnali, di colonne luminose alternate a pilastrature predisposte per strutture espositive temporanee. L’impianto articolato ex-Kajel Werk è testimone e matrice della nuove corti e del percorso a spirale che marca ‘contorno’ ed ‘impronta del progetto. La destinazione d’uso consente una fruizione progressiva degli spazi: dalla piazza della ‘Memoria’ industriale alle nuove corti multiple della ricerca. Seguono i volumi reinterpretati dei capannoni esistenti fino al nuovo fronte sul canale dedicato agli spazi congressuali, d’intrattenimento e alberghieri. La croce di relazione, cardine centrale del sistema dei capannoni industriali, viene aperta ed evocata dalla reiterazione multipla di spazi commerciali, teche sospese sull’attraversamento centrale a ‘cielo aperto’. Il giardino si dispone secondo ritmi e sequenza definiti da intervalli di spazi verdi, espositivi e serre.