Milano Porta Volta - MAPS Architecture
20673
single,single-portfolio_page,postid-20673,ajax_fade,page_not_loaded,,content_with_no_min_height,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive

Milano Porta Volta

* Il Sito reagisce in vari modi all’interno del contesto. Sul viale Crispi, la piattaforma offre un accesso diretto a questi centri culturali e dirige la gente verso il volume della sala e all’ingresso principale del parco. Su Viale Pasubio, il costruito è permeabile e consente alle persone di avere un collegamento visivo diretto e orizzontale con il parco.

* La forma Auditorium è la conseguenza delle piazze e dei punti di vista che genera. Un angolo è allineato con il centro del ‘Circonvalazione’ per creare un punto di riferimento. L’angolo formato dalla sala e dal perimetro della zona, nella parte ‘Casello’, permette la creazione del foyer.

* Area di pertinenza dei quattro edifici riconducibile alla cinta storica: Il Parco è interpretato in questa parte come una corte interna, dove le relazioni sociali tra le culture si svolgono a Milano. Il muro è il simbolo della città e della sua storia.

* Area di pertinenza dei dodici Centri Culturali: Combattono contro le aree adiacenti e rappresentano le diverse culture che cercano di stabilirsi a Milano.

* Distribuzione delle attività in ogni piano e la flessibilità della sala polifunzional:
Il basemento dell’Auditorium si divide in due parti. L’accesso alla reception è sottolineata dalla sottrazione di due volumi. La libreria sul lato viale Crispi chiude il volume dalla hall polivalente e crea un accesso al parco. Da l’altro lato, quello meno rumoroso e caotico, il volume del ristorante cerca di stabilire un rapporto con Viale Pasubio, generando una piazza che potrebbe essere utilizzato per aumentare la sua superficie nelle stagioni calde. L’ingresso principale, vicino al ‘Casello’, crea una continuità delle ‘Mura Spagnole’.
Lo spazio della sala polivalente è conformato in modo da offrire una certa flessibilità per le attività che potrebbe contenere. Per una conferenza o una performance, la sala potrebbe essere chiusa grazie alle pareti rimovibili.

Gruppo di lavoro

Aurélie Sabatier – Anita Sala

Laboratorio

Architectural Design Studio – Prof. Cino Zucchi

Date

2009