Dopo l’esplosione urbana – Una nuova alleanza tra città e campagna - MAPS Architecture
20642
single,single-portfolio_page,postid-20642,ajax_fade,page_not_loaded,,content_with_no_min_height,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.3.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive

Dopo l’esplosione urbana – Una nuova alleanza tra città e campagna

INTENSIFICAZIONE INFRASTRUTTURALE LUNGO ALCUNE LINEE DI FORZA:
Le aree produttive collocate lungo le principali strade provinciali possono cambiare stato e diventare gli epicentri di un diverso modello energetico e produttivo. Un corretto programma di incentivi e regole permette lo sviluppo di un processo ecosostenibile di produzione energetica, attraverso l’installazione di impianti fotovoltaici nelle diverse agglomerazioni industriali. Queste superfici, predisposte da più edifici produttivi che possono riunirsi in consorzi, funzionano come centrali energetiche distribuite sul territorio; stabiliscono nuove gerarchie infrastrutturali con il loro intorno e permettono particolari condizioni di autosufficienza energetica per gli insediamenti più prossimi. l di sotto di queste coperture, negli spazi industriali svuotati dalla crisi economica, possono localizzarsi attività legate alla filiera di produzione energetica di questo tipo, alla produzione di energia dalla combustione di biomassa, all’agricoltura indoor, ecc.

DIRADAMENTO INFRASTRUTTURALE ANCORATO ALL’URBANIZZATO DISPERSO:
Le case rurali diffuse diventano i capisaldi di un processo di riorganizzazione dei tracciati rurali, dei canali di irrigazione e dei filari alberati del paesaggio della centuriazione. Un sistema di tassazione differenziata, di regole e incentivi promuove la manutenzione di questi elementi lineari del paesaggio ad opera dei proprietari – famiglie e imprese agricole – e la diffusione di infrastrutture individuali e consortili – non pubbliche – al servizio di questo urbanizzato disperso. In questo senso diminuiscono i costi pubblici di gestione di una rete infrastrutturale troppo estesa e ramificata: la scelta abitativa legata alla ‘casa nel verde’ viene responsabilizzata poiché costretta ad interiorizzare nel costo della trasformazione edilizia – da rurale a residenziale – i costi infrastrutturali e della manutenzione del paesaggio circostante.

Links:

http://www.provincia.bologna.it/pianificazione/Engine/RAServePG.php/P/337011020300/M/282211020303

http://www.telesanterno.com/bologna-dopo-l%25E2%2580%2599esplosione-urbana-una-nuova-alleanza-citta-campagna-0510.html

Gruppo di lavoro

Mirko Andolina * Federico Marcantognini * Roberto Naboni * Aurélie Sabatier * Yan Jing

Tutors

Federico Zanfi * Giulia Fini

Con il patrocinio di

architettibologna, Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, Biblioteca salaborsa

International Workshop promosso da

Provincia di Bologna con Urban Center Bologna

Con la partecipazione di

Facoltà di Architettura di Cesena, Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, University of Skopje, Institut d’Urbanisme de Grenoble, Universitat Politecnica de Catalunya

Date

2011